Archivio chef

I consigli dello chef

News CALZONE con impasto La Pizza +1

» leggi tutto

News FOCACCIA DOLCE con impasto La Pizza +1

» leggi tutto

News GNOCCO FRITTO con impasto La Pizza +1

» leggi tutto

Archivio news

News

News BRC e IFS: certificazioni al top!

» leggi tutto

News La Pizza + 1 a CIBUS CONNECT 2017

» leggi tutto

News La Pizza + 1 a MADE 2017

» leggi tutto

Archivio documenti

Sala stampa

News LA PIZZA +1: più grandi e oltre le Alpi

» leggi tutto

News Il video della Pizza +1 da Guinness!

Oltre un chilometro e mezzo di gusto italiano in due minuti.

» leggi tutto

News Conquistato il Guinness World Record per la pizza più lunga del mondo

Il record torna in Italia: tutta la rassegna stampa nazionale ed internazionale

» leggi tutto

ISO 22000:2005

La norma definisce uno standard unico a livello mondiale per costruire i sistemi di autocontrollo Aziendali.

La norma ISO 22000 è stata pubblicata il 1 settembre 2005. La Pizza + 1, che ha ricevuto la certificazione nel Giugno 2007 è stata una delle prime Aziende italiane a raggiungere tale obiettivo, e a tutt’oggi fa parte di un gruppo ristretto di Aziende eccellenti dal punto di vista della gestione della sicurezza alimentare.

Il punto di partenza dello standard ISO 22000 è la gestione della filiera alimentare e delle informazioni e controlli lungo la catena di fornitura.

I requisiti della ISO 22000 sono applicabili a tutti gli operatori della filiera che vogliano implementare un efficace sistema di gestione della sicurezza alimentare andando a stimolare la gestione di quei punti della filiera che più frequentemente possono dare origine a problematiche igienico-sanitarie. Per questo un’Azienda che operi in regime ISO 22000 si configura come un punto di eccellenza nella propria filiera e diventa inevitabilmente un agente di cambiamento e di miglioramento per quei punti della filiera stessa che non sono ancora arrivati ad alti livelli di sicurezza alimentare.

Lo standard sostanzialmente mira al conseguimento dei seguenti obiettivi:

  • garanzia che la produzione avvenga in modo sicuro e garantito, in piena concordanza con i principi HACCP del Codex Alimentarius;
  • comunicazione nella filiera - gestione delle informazioni da e verso l’Organizzazione ai fini della sicurezza igienica;
  • analisi dei rischi per il consumatore e individuazione delle misure e dei controlli in applicazione rigorosa del metodo HACCP
  • definizione di programmi prerequisiti efficaci - attività di base e trasversali che mirano alla sicurezza igienica, differenti a seconda delle fase di filiera che si vuole certificare (es. disinfestazione/derattizzazione, gestione acque, formazione, cleaning, ecc.) . Attività che devono essere svolte in qualsiasi industria alimentare a prescindere dal prodotto realizzato.